Lo scorso 29 settembre il Ministero delle Finanze ha pubblicato una circolare (con effetto retroattivo a partire dal 1 gennaio 2013) relativa ad ulteriori deduzioni dagli imponibili di spese effettuare per attività di ricerca e sviluppo (“R&D”). In base a detta circolare, le spese per R&D che possono essere preventivamente dedotte dal lordo imponibile dovranno includere spese per contribuzioni sociali e house funds di dipendenti direttamente impegnati in attività di R&D, spese per strumentazione, operatività di macchinari, manutenzione, settaggi, ispezioni potenziamenti ed altri costi relativi ad attività di R&D, spese per acquisto di campioni, prototipi che non costituiscono cespiti e spese per metodi generali di analisi, sperimentazione clinica per lo sviluppo di medicinali e spese di valutazione di risultati di R&D. La circolare è in linea con le direttive generali delle autorità cinesi che tendono, attraverso la creazione di un ambiente favorevole e vantaggioso per questo tipo di investimenti, a incoraggiare lo spostamento di dipartimenti di R&D o la costituzione di società dedicate all’R&D.

Leave a reply