Dal 3 marzo 2014 è entrata in vigore la nuova Hong Kong Companies Ordinance, che introduce alcuni elementi di novità rispetto alla precedente legislazione. In questo articolo esamineremo solamete i punti principali relativi alla natura, alle responsabilità ed al ruolo degli amministratori delle società costituite ad Hong Kong. In sostanza, viene stabilito che:

  1. Società pubbliche e società private appartenenti ad un gruppo con almeno una società quotata non potranno nominare quale amministratore una società;
  2. Le società private differenti da quelle elencate al punto 1) potranno nominare altre società quali amministratori, a patto che almeno un amministratore risulti essere una persona fisica; 
  3. Gli amministratori di fatto (i.e. quei soggetti che, pur non essendo stati formalmente nominati amministratori hanno ed esercitano poteri attribuiti dalla legge agli amministratori) avranno gli stessi doveri di diligenza e di competenza che la nuova Ordinance attribuisce agli amministratori nominali, e pertanto, potranno essere perseguiti in caso di violazioni;
  4. Le azioni degli amministratori in conflitto di interesse o in violazione dei propri doveri, o negligenti dovranno essere ratificate, per poter essere sanate, da una delibera dei soci a maggioranza semplice, deducendo però dal voto di ratifica il voto dell’amministratore la cui ratifica degli atti è richiesta, società o entità connesse con tale amministratore, persone che detengono quote di società o di enti connessi con detto amministratore.

Quanto sopra sono solo le novità da noi ritenute più importanti sulla disciplina degli amministratori. Per maggiori dettagli, non esitate a contattarci.

Digiprove sealCopyright secured by Digiprove © 2014 ICL Consulting Limited

Leave a reply