Il dipartimento degli affari legislativi dello State Council ha diffuso ieri una bozza di emendamenti alla legge sulla sicurezza alimentare, con lo scopo di ricevere pubblici commenti entro e non oltre il 19 novembre 2013. La bozza prevede, tra l’altro, un rafforzamento delle misure di controllo e prevenzione delle autorità locali non solo sui produttori, ma anche sui distributori e su pubblici esercizi. Inoltre, verrà modificato il sistema di supervisione e di orientamento delle autorità locali da parte del governo centrale, il quale potrà assumere anche un ruolo sussidiario e sostitutivo a quello delle autorità locali qualora il le misure di prevenzione esercitate da queste ultime si rivelasse insufficienti ad eliminare rischi alla salute.

Per quanto riguarda invece le sanzioni, la bozza prevede sostanziali inasprimenti delle sanzioni amministrative non solo per coloro che, violando la legge, causano un danno effettivo al pubblico, ma anche per coloro che, commettendo violoazioni di legge non arrecano danni ai consumatori. La bozza prevede anche l’innalzamento del livello di risarcimento in sede civile a favore dei consumatori: qualora venisse approvata senza ulteriori cambiamenti, un consumatore potrebbe richiedere risarcimenti che variano da un minimo di 1,000 Chinese Yuan a dieci volte il prezzo del prodotto, o tre volte l’ammontare del danno subito.

Previsioni relative alla pubblicità ingannevole sono state inserite, e prevedono che eventuali danni possano essere richiesti in solido o singolarmente a produttori, distributori, agenzie di design, agenzie pubblicitarie che abbiano creato, contribuito a creare, utilizzato o in ogni caso diffuso la pubblico la pubblicità ingannevole.

Leave a reply